XXVIII EDIZIONE DEL PREMIO DORSO
Le motivazioni: Lirio Abbate - Giornalismo

Lirio Abbate, un giornalista “che ha scelto di non cedere alle minacce e alle intimidazioni della mafia”. Descriviamo il suo impegno con le parole espresse, a nome del presidente della Repubblica Giorgio Napoletano, dal suo consigliere per la stampa e l’informazione, Pasquale Cascella, in una lettera di solidarietà e di augurio indirizzata al direttore dell’Ansa all’indomani di ulteriori intimidazioni subìte dal giornalista palermitano.

Lirio Abbate ha iniziato la sua carriera al Giornale di Sicilia. Oggi è redattore dell’Ansa di Palermo e corrispondente de La Stampa, occupandosi di cronaca giudiziaria e di attualità. Attento osservatore della mafia, fin da giovane, è stato l’unico giornalista presente, sul luogo, al momento della cattura del capomafia Bernardo Provenzano e il primo a redigere la notizia della cattura con tutti i particolari del blitz raccontati in diretta, ricevendo, per questo, anche i complimenti di un maestro del giornalismo quale è stato Enzo Biagi.

Abbate ha seguito in Sicilia le inchieste ed i processi più importanti sulla criminalità organizzata e sul traffico di esseri umani, in particolare sugli sbarchi degli extracomunitari sulle coste siciliane. Autore di alcune opere sulla mafia, di recente Abbate ha pubblicato un libro, “I complici”, insieme con il giornalista dell’Espresso Peter Gomez; un trattato dedicato alle coperture di cui, in Sicilia, hanno potuto godere per anni coloro che hanno contribuito a proteggere la latitanza dei capimafia. “Continuerò a raccontare quel che posso documentare con l’onore che mi chiede di avere rispetto di me stesso” ha detto con una manifestazione, convinta e serena, di etica professionale spesso dimenticata.

Per noi, è un esempio di come dovrebbe essere il giornalismo: una ricerca e descrizione di fatti e circostanze, anche scomodi e pericolosi, mentre sappiamo che troppo spesso ciò non avviene, nonostante siano sempre numerosi gli esempi di giornalisti che, in Italia e nel mondo, mettono a repentaglio la propria tranquillità e la propria esistenza per amor di verità, contro i potenti e persino contro gli Stati.

TORNA SU

INTERVENTI:
- Nicola Squitieri (Presidente dell'Associazione Guido Dorso)
- Mario Baccini (Vicepresidente del Senato della Repubblica)

LE MOTIVAZIONI:
- Gerardo Bianco
- Claudio Bertoli
- Paola Pelino
- Roberto Saviano
- Giuseppe Zollo
- Lirio Abbate
- Antonio Giordano
- Eliana Paola Di Stefano
- Targa del Presidente della Repubblica Emeroteca - Biblioteca “Vincenzo Tucci”

 

----------------------------------
TORNA ALLA PRIMA PAGINA

Chiudi Finestra